Storia & Misteri - Satyrnet.it
"

Una donna preistorica era una cacciatrice esperta: ecco come cambia la nostra visione dei ruoli di genere

Per molto tempo si è pensato che nelle antiche società di cacciatori e raccoglitori gli uomini fossero i cacciatori e le donne le raccoglitrici. Ma una scoperta archeologica sulle Ande del Perù ha messo in discussione questa idea. Scopriamo insieme cosa hanno trovato gli scienziati e perché è così importante.

Immagina di essere in una spedizione archeologica sulle Ande del Sud America, 9.000 anni fa. Stai scavando una tomba dove sono sepolti i resti di un individuo con accanto una collezione di strumenti in pietra. Questi strumenti sono quelli che usavano i cacciatori per uccidere e lavorare le grandi prede, come i lama e i cervi. Ti sembra evidente che si tratti di un uomo, un cacciatore abile e rispettato dalla sua comunità.

Ma poi fai un’analisi più approfondita e scopri che in realtà si tratta di una donna. Una donna che cacciava animali di grandi dimensioni con la stessa abilità e lo stesso coraggio degli uomini. E non solo: questa donna non era un caso isolato. Secondo uno studio pubblicato su Science Advances, tra il 30% e il 50% dei cacciatori di caccia grossa nelle Americhe preistoriche erano donne.

Questa scoperta è una vera e propria rivoluzione nel campo dell’archeologia e della storia. Per anni si è creduto che i ruoli di genere fossero fissi e immutabili, basati su studi antropologici su popolazioni di cacciatori e raccoglitori moderni. Ma questi studi erano influenzati dai pregiudizi e dalle convenzioni sociali del XIX e XX secolo, quando si riteneva che le donne fossero naturalmente destinate a occuparsi della casa e dei figli, mentre gli uomini a procurare il cibo e a difendere il territorio.

Ora sappiamo che le cose non sono sempre andate così. Le donne preistoriche erano attive e partecipavano alla caccia, alla difesa e alla gestione della comunità. Gli strumenti che hanno lasciato testimoniano la loro abilità e la loro creatività. Tra questi ci sono punte litiche per perforare la pelle degli animali, rocce pesanti per rompere le ossa o scuoiare le prede, scaglie per raschiare e tagliare la carne e l’ocra rossa per tingere e conservare le pelli.

 

“Questi dati sono sempre stati lì, ma sono stati ignorati o mal interpretati”, dice Pamela Geller, archeologa presso l’Università di Miami, che non ha partecipato allo studio. “Ora dobbiamo rivedere la nostra visione della storia e dei ruoli di genere, e riconoscere il contributo delle donne alla sopravvivenza e all’evoluzione della nostra specie”.

L’articolo Una donna preistorica era una cacciatrice esperta: ecco come cambia la nostra visione dei ruoli di genere proviene da CorriereNerd.it.

CorriereNerd.it

Satyrnet, dal 1999, è un punto di riferimento per la cultura pop italiana, con focus su fumetti, cosplay, videogame, Larp, cinema ed eventi. Nasce il sito Corrierenerd.it, che rinnova il magazine digitale di Satyrnet con contenuti giornalistici professionali e creati dagli appassionati stessi. Il sito si evolve con aggiornamenti quotidiani e nove sezioni tematiche che coprono vari interessi nerd, come musica, cinema, videogiochi, letteratura, gadget, hi-tech, storie, misteri e creatività artistica nerd. L'ampia varietà di contenuti include anche sezioni dedicate agli eventi nerd e al cosplay, con approfondimenti e articoli speciali per soddisfare il pubblico geek italiano.

Aggiungi Commento

Seguici

Non essere timido, mettiti in contatto. Ci piace incontrare persone interessanti e fare nuove amicizie.